Olbia, 18 settembre 2018 – Nuovo aggiornamento sulla vicenda della cooperativa di Bortigiadas che gestisce un centro per anziani e sui licenziamenti per i quali la Cgil Gallura sta strenuamente lottando.

La Coop la Mimosa di Bortigiadas, che gestisce per conto dell’amministrazione comunale il centro per anziani, ha fatto il terzo licenziamento in un mese, anche qui una donna. Ha licenziato la terza componente della stessa famiglia“, si legge in una nota stampa della Cgil Funzione Pubblica. “Tre provvedimenti ingiustificati, ingiustificabili, fuori da ogni regola contrattuale e normativa”, denuncia Luisella Maccioni, segretario provinciale della Funzione Pubblica della CGIL Gallura.

Il sindacato rende noto di aver dato mandato all’avvocato per impugnare tutte e tre i licenziamenti, l’ultimo dei quali arrivato oggi. “La Coop ha messo in atto un sistema persecutorio che non ha precedenti – denuncia Luisella Maccioni -. Quello che è successo a Bortigiadas, il più piccolo centro della Gallura, è di una gravità inaudita. Come sindacato, siamo e staremo vicino alle tre lavoratrici in ogni modo, con tutte le nostre energie”.

La segretaria della Funzione Pubblica della Cgil denuncia le presunte violazioni contrattuali. “La vicenda che vede licenziate le tre donne, mamma e due figlie, deriva dalla contestazione fatta alla Coop che, in spregio alle regole, voleva ridurre loro l’orario di lavoro, senza spiegare perché e senza ragioni valide, come abbiamo potuto accertare successivamente. In questo contesto la Coop Mimosa di Bortigiadas ha violato tutto quello che poteva. Non ha rispettato il capitolato d’appalto con il Comune di Bortigiadas e non ha rispettato il contratto di lavoro. Tutto ciò è allarmante”.

Il sindacato denuncia anche il silenzio assordante in cui si è consumata la vicenda. “E’ uno scandalo, pretendiamo che intervengano con decisione l’Osservatorio delle Cooperative e le associazioni delle cooperative – spiega Luisella Maccioni -.  Il comportamento della coop Mimosa non può essere minimamente tollerato. Ma chiediamo a voce alta che prenda posizione l’amministrazione comunale di Bortigiadas, ha l’obbligo contrattuale di intervenire. Noi non ci fermeremo ”.

L'articolo Bortigiadas, terzo licenziamento nella coop: è sorella e figlia delle altre due licenziate proviene da Olbia.it.



Clicca qui per leggere l'articolo originale